I piani di rimborso basati sul reddito – una rete di sicurezza all’interno del sistema federale di rimborso del prestito studentesco pubblicizzato come una soluzione per i mutuatari federali che lottano per rimborsare i loro prestiti – promettono pagamenti mensili inferiori e perdono dopo 20 o 25 anni. Ma le proiezioni di rimborso calcolate da NerdWallet mostrano che il perdono è improbabile per la maggior parte dei mutuatari.

Tra coloro che alla fine hanno il condono del debito, l’interesse che ne deriva che matura nel frattempo è sostanziale, tanto, se non di più, dell’importo condonato, mostra l’analisi di NerdWallet.

E tra i mutuatari che ricevono una certa cancellazione attraverso il rimborso guidato dal reddito, attendono anche tasse sul reddito più elevate.

Il rimborso basato sul reddito è ancora l’unico strumento per i mutuatari per effettuare pagamenti più convenienti rispetto a un piano standard di 10 anni. Ma nel tempo, è probabile che l’IDR costerà ai mutuatari più di quanto si aspettassero ed è improbabile che si traduca nel tipo di riduzione del debito che il “perdono” promette.

Risultati chiave

  • Solo i mutuatari con stipendi iniziali di $ 20.000 e $ 30.000 (in aumento del 3% annuo) vedranno mai il loro debito cancellato su $ 27.000 in prestiti studenteschi federali non sovvenzionati dopo aver effettuato pagamenti, senza sosta, per 20 anni.

  • I mutuatari con stipendi iniziali da $ 40.000 a $ 100.000 (anch’essi in aumento del 3% annuo) pagheranno i loro $ 27.000 in prestiti studenteschi federali non sovvenzionati prima che raggiungano il segno di 20 anni che innesca il condono del prestito.

  • La maggior parte dei mutuatari con un debito elevato, $ 129.500, hanno maggiori probabilità di vedere il condono del prestito attraverso il rimborso guidato dal reddito, ma accumuleranno interessi esorbitanti al momento del condono, spesso tanto, se non di più, dell’importo condonato.

  • I mutuatari che ottengono il condono dei loro prestiti potrebbero dover affrontare imposte sul reddito più elevate, spingendoli persino a fasce fiscali federali più elevate.

Come funziona il perdono del rimborso basato sul reddito

Quando il rimborso basato sul reddito funziona come previsto, i mutuatari si iscrivono al piano e i loro importi di pagamento sono fissati in una parte del loro reddito. I mutuatari con più prestiti devono consolidare in un nuovo prestito prima dell’iscrizione. La tempistica di rimborso del mutuatario si azzera e inizia a effettuare pagamenti su un piano di 20 o 25 anni, a seconda del tipo di prestiti che ha: 20 anni per il debito universitario o 25 anni per prestiti consolidati che includono il debito laureato. I loro importi di pagamento dovrebbero aumentare nel tempo all’aumentare della loro retribuzione. Allora dovrebbero ottenere il perdono.

Per questa analisi, NerdWallet ha preso in considerazione pagamenti, interessi e condono per i mutuatari iscritti a Revised Pay As You Earn, o REPAYE. È stato lanciato nel dicembre 2015 ed è il più accessibile tra i quattro piani di rimborso basati sul reddito per i prestiti studenteschi federali.

REPAYE limita i pagamenti al 10% del reddito discrezionale di un mutuatario e ne allunga il termine di rimborso. Il reddito discrezionale è calcolato come il loro reddito annuo meno il 150% della soglia di povertà (pari a $ 19.320 nel 2021) diviso per 12 mesi. I mutuatari iscritti a REPAYE non dovrebbero iniziare a vedere il loro debito estinto non prima del 2035.

Il fatto che un mutuatario veda condonato il debito residuo al termine del periodo di rimborso dipenderà interamente da quanto ha preso in prestito, dal tasso di interesse, dal reddito e dalla velocità con cui aumenta il reddito nel tempo.

Questa analisi misura i risultati per:

  • Due diversi carichi di debito, che si basano sugli attuali massimi di prestito diretto federale: $ 27.000 per gli studenti universitari e $ 129.500 per quelli con debito universitario e universitario.

  • Tassi di interesse consolidati calcolati per riflettere gli ultimi anni dei tassi che un mutuatario potrebbe avere plausibilmente.

  • Nove potenziali stipendi iniziali che vanno da $ 20.000 a $ 100.000; assumiamo che i salari annuali aumenteranno del 3% anno dopo anno durante il termine di pagamento.

  • L’effetto sul reddito imponibile a livello federale per quei mutuatari che raggiungono la soglia di condono.

L’analisi, per coerenza, valuta l’efficacia della componente di condono del programma solo se i mutuatari rimangono in linea con i pagamenti e il loro reddito aumenta costantemente. Non tiene conto di molte situazioni che i mutuatari potrebbero dover affrontare durante la vita del loro prestito che potrebbero spostare la tempistica di pagamento o condono prevista, comprese le pause, la perdita di reddito o altri fattori che influenzano i calcoli IDR, come l’aggiunta del reddito di un coniuge .

Ulteriori ipotesi e informazioni sui calcoli sono incluse nella metodologia seguente.

Pochi mutuatari universitari vedranno i prestiti condonati tramite IDR

Tra coloro con $ 27.000 in prestiti studenteschi federali non sovvenzionati, solo i mutuatari con uno stipendio iniziale di $ 20.000 o $ 30.000 vedrebbero il loro debito cancellato dopo 20 anni di pagamenti, mostra l’analisi.

Salario iniziale (aumento annuo del 3%)

Importo condonato dopo 20 anni di debito principale di $ 27.000 più interessi

Totale dei pagamenti del mutuatario

Imposta sul reddito aggiuntiva dovuta sul condono

*Gli interessi sono sovvenzionati dal governo quando i pagamenti non coprono gli interessi.

Altri mutuatari che iniziano con stipendi che vanno da $ 40.000 a $ 100.000 non vedranno mai il perdono attraverso il rimborso guidato dal reddito perché avranno pagato il saldo più gli interessi molto prima che sia il momento del perdono.

I mutuatari che iniziano con uno stipendio di $ 40.000 potrebbero ripagare il loro debito in 149 mesi (circa 12 anni e quattro mesi) una volta che il loro stipendio raggiunge poco più di $ 55.000. Per altri mutuatari accade molto più velocemente: i mutuatari che iniziano con stipendi di $ 50.000 o più pagheranno i loro prestiti utilizzando un rimborso guidato dal reddito più velocemente anche del piano standard, che richiede 120 mesi e potrebbe comportare risparmi sugli interessi.

Salario iniziale (aumento annuo del 3%)

Mesi prima che i prestiti siano pagati

Totale dei pagamenti del mutuatario

I mutuatari con importi di condono elevati maturano di più in interessi e devono far fronte a oneri fiscali elevati

I mutuatari con importi elevati di debiti per prestiti federali non sovvenzionati (quelli con debiti universitari che frequentano anche la scuola di specializzazione per un massimo di cinque anni) probabilmente vedranno il perdono dopo 25 anni. Ma matureranno un importo significativo di interessi che è ben al di sopra dell’importo principale totale, ed è più probabile che siano bloccati con un’imposta elevata sull’importo condonato aggiunto al loro reddito imponibile.

Salario iniziale (aumento annuo del 3%)

Importo condonato dopo 25 anni di debito principale di $ 129.500 più interessi

Totale dei pagamenti del mutuatario

Imposta sul reddito aggiuntiva dovuta sul condono

Fino alla fine del 2025, qualsiasi importo condonato attraverso il rimborso guidato dal reddito non è considerato reddito imponibile. Questa proiezione presuppone che la regola non sarà estesa.

La componente del perdono del rimborso guidato dal reddito funziona tecnicamente, ma a un costo elevato per il mutuatario. Ad esempio, un mutuatario con $ 129.500 di debito federale che ha uno stipendio iniziale di $ 50.000 può ottenere $ 162.708 di debito condonato dopo 25 anni, ma avrà pagato $ 133.996 sul prestito, maturato $ 167.857 di interessi e pagato $ 48.652 di tasse aggiuntive.

I mutuatari con redditi elevati ripagheranno il debito elevato prima del perdono

È improbabile che i mutuatari ad alto reddito con un debito elevato ricevano il perdono e accumuleranno comunque elevati importi di interesse nel tempo.

Salario iniziale (aumento annuo del 3%)

Mesi prima che i prestiti siano pagati

Totale dei pagamenti del mutuatario

Che cosa significa per i mutuatari

Il rimborso guidato dal reddito è ancora una rete di sicurezza che può aiutare i mutuatari a ridurre i pagamenti mensili. È certamente un’opzione migliore della tolleranza o del differimento perché l’IDR mantiene i mutuatari sulla buona strada per il rimborso o il perdono. Ma i mutuatari devono tenere conto dell’importo degli interessi che potrebbero aspettarsi di crescere nel tempo e non dovrebbero necessariamente aspettarsi il perdono tramite IDR.

I mutuatari che prendono in considerazione il rimborso basato sul reddito dovrebbero inserire le informazioni sul prestito negli aiuti federali per gli studenti Simulatore di prestito che fornirà ai mutuatari un quadro delle bollette mensili, dei costi complessivi e del potenziale perdono nell’ambito di ciascun piano.

 

Quanto guadagnano i mutuatari: Lo stipendio iniziale medio per un laureato nella classe del 2020 è di $ 55.260, secondo la National Association of Colleges and Employers. I calcoli includevano una gamma di stipendi iniziali (che variavano, da numeri interi di $ 10.000, da $ 20.000 a $ 100.000) e prevedevano una crescita dello stipendio del 3% ogni anno in cui un mutuatario stava rimborsando.

  • Una combinazione di quattro anni di prestiti studenteschi diretti non sovvenzionati federali per un mutuatario universitario: $ 27.000.

  • Una combinazione dell’importo massimo di prestiti studenteschi diretti federali non sovvenzionati per quattro anni di debito universitario più cinque anni di debito di scuola di specializzazione: $ 129.500.

  • Entrambi utilizzano tassi di prestito federali consolidati per prestiti presi in prestito a tassi reali negli ultimi anni: 3,938% per debito universitario e 5,356% per debito laureato e universitario.

  • Le imposte sul reddito dovute sugli importi del condono sono calcolate utilizzando le aliquote dell’imposta sul reddito del 2021.

La situazione di ogni mutuatario è unica, quindi queste proiezioni devono fare alcune ipotesi chiave, tra cui:

  • I mutuatari non hanno mai effettuato un pagamento prima, che è applicabile ai mutuatari nelle classi del 2020, 2021 e, entro la fine dell’anno, 2022.

  • I mutuatari con debito universitario si laureano con una laurea quadriennale in quattro anni e si assumono il massimo carico di debiti possibile.

  • I mutuatari con debiti da laureati lasciano la scuola con quattro anni di prestiti universitari e cinque anni di scuola di specializzazione e si assumono il massimo carico di debiti possibile.

  • I mutuatari non si sono iscritti all’IDR durante la pausa di pagamento COVID-19, poiché i mancati pagamenti contano per i 240 o 300 pagamenti necessari per il perdono e non hanno effettuato un pagamento durante la pausa.

  • I mutuatari rimarranno occupati e il loro reddito aumenterà costantemente (aumento del 3% anno su anno) nel tempo. Ciò significa che il loro stipendio non diminuisce durante il rimborso.

  • I mutuatari non sospendono i pagamenti tramite differimento o tolleranza durante il periodo di rimborso.

Disclaimer: NerdWallet declina, espressamente e implicitamente, tutte le garanzie di qualsiasi tipo, comprese quelle di commerciabilità e idoneità per uno scopo particolare o se le informazioni dell’articolo sono accurate, affidabili o prive di errori. L’uso o l’affidamento a queste informazioni è a proprio rischio e la loro completezza e accuratezza non sono garantite. I contenuti di questo articolo non devono essere considerati affidabili o associati alle prestazioni future di NerdWallet o delle sue affiliate o sussidiarie. Le dichiarazioni che non sono fatti storici sono dichiarazioni previsionali che implicano rischi e incertezze, come indicato da parole come “crede”, “si aspetta”, “stima”, “potrebbe”, “sarà”, “dovrebbe” o “anticipa” o espressioni simili. Queste dichiarazioni previsionali possono differire sostanzialmente dalla presentazione di informazioni da parte di NerdWallet agli analisti e dai suoi effettivi risultati operativi e finanziari.