Le informazioni sugli investimenti fornite in questa pagina sono solo a scopo didattico. NerdWallet non offre servizi di consulenza o intermediazione, né raccomanda o consiglia agli investitori di acquistare o vendere particolari azioni, titoli o altri investimenti.

Alcune piattaforme di criptovaluta, come BlockFi e Gemini, hanno iniziato a offrire un modo per guadagnare interessi sulle criptovalute. Il processo ha parallelismi con i tradizionali conti di risparmio e le tariffe possono essere strabilianti, con alcune a due cifre.

Ma come la maggior parte delle attività crittografiche, ci sono grandi rischi nel perdere più soldi di quelli che guadagni con questi account. Ecco una rapida spiegazione su come funzionano i conti con interessi in criptovaluta.

Che cos’è un conto con interessi in criptovaluta?

Un conto di criptovalute è generalmente un’offerta di una piattaforma cripto che ti consente di guadagnare interessi sulle risorse digitali che hai acquistato. Accetti di prestare Bitcoin o altcoin (qualsiasi criptovaluta che non sia Bitcoin) in cambio di interessi. Questo è simile a come i conti di risparmio lavorare presso le banche: Depositi denaro, poi la banca lo presta e ti rimborsa più gli interessi. In genere puoi ritirare i tuoi soldi in qualsiasi momento.

“Funziona concettualmente identico al modo in cui gli istituti bancari prestano denaro”, afferma Ryan Greiser, un pianificatore finanziario certificato a Doylestown, in Pennsylvania.

Ma le differenze nei tassi e nel rischio, tra gli altri fattori, sono enormi.

7 cose da sapere sui conti con interessi in criptovaluta

1. Le tariffe possono essere astronomicamente alte

La società di crittografia BlockFi, ad esempio, offre tassi dallo 0,10% al 9,50% sul suo sito Web e l’azienda Celsius ha diversi rendimenti intorno al 9% – di cui uno quasi al 14% – per i clienti statunitensi (c’è un tasso del 17% per i non- clienti statunitensi). Il migliori conti di risparmio ad alto rendimento, al contrario, tendono ad avere tassi di interesse più vicini allo 0,50% di rendimento percentuale annuo. E il tasso medio nazionale per un normale conto di risparmio è 0,06%.

2. I rendimenti nel tempo sono difficili da confrontare

Con i conti di risparmio tradizionali, tutto è in dollari USA, quindi puoi stimare l’interesse totale possibile che puoi guadagnare in un anno, supponendo che un tasso non cambi. Quando sfogli le tariffe di un’azienda di criptovalute, tuttavia, potresti guardare dozzine di risorse digitali con vari livelli di volatilità. È bene avere familiarità con almeno due grandi tipi di risorse digitali:

  • Criptovalute native come Bitcoin ed Ethereum possono avere fluttuazioni giornaliere di valore.

  • Stablecoin come USD Coin sono un tipo di criptovaluta con valore ancorato al dollaro USA o ad un altro bene reale.

3. Possono essere applicate commissioni e limiti di prelievo

Fai attenzione alle commissioni che possono variare in base alla criptovaluta e potrebbero non essere elencate in dollari statunitensi. Inoltre, controlla eventuali importi minimi o massimi di prelievo. Alcune società di crittografia offrono diversi tipi di accesso:

  • Termini flessibili non avere vincoli su quando puoi ritirarti.

  • Termini fissi richiedono l’accettazione di non accedere ai fondi per un periodo, generalmente alcuni mesi. Questi rendimenti a termine hanno paralleli a certificati di deposito, un tipo di conto di risparmio in cui si bloccano i fondi in cambio di un tasso più elevato. (Se l’idea di bloccare le criptovalute per più premi ti piace, potresti anche essere interessato a staking di criptovaluteche consiste nell’aiutare a verificare transazioni crittografiche valide su una rete blockchain.)

4. Le criptovalute hanno grossi rischi

I rischi includono ma non sono limitati a:

  • Nessuna assicurazione sul deposito: I conti con interessi in criptovalute non sono assicurati dalla Federal Deposit Insurance Corporation, quindi se un’azienda fallisce, non c’è alcuna garanzia del governo che tu possa recuperare i fondi (compresi gli interessi).

  • Rischio di default: E se un mutuatario non può rimborsarti? Greiser consiglia di capire quali misure sta prendendo uno scambio di criptovalute nel caso in cui i mutuatari siano inadempienti sui loro prestiti criptati (che potrebbero utilizzare la criptovaluta che stai prestando). L’exchange di criptovalute Gemini, ad esempio, spiega sul suo sito come è regolamentato dal governo di New York e come controlla i processi di gestione del rischio dei mutuatari.

  • Le risorse digitali possono perdere valore e alcune possono estinguersi: Ci sono più di 13.000 criptovalute, secondo il sito web di ricerche di mercato CoinMarketCap.com, ed è improbabile che aumentino di valore nel tempo. Alcuni potrebbero anche scomparire completamente. Puoi trovare “monete morte” o criptovalute precedenti che sono uscite dalla circolazione, su siti Web come Coinopsy e Deadcoins.

5. È in corso la regolamentazione dei conti con interessi in criptovaluta

A settembre, Coinbase, il più grande scambio di criptovalute degli Stati Uniti, ha annullato il lancio di un prodotto di prestito che guadagnerebbe interessi per i clienti. Questa azione si è verificata dopo che Coinbase ha ricevuto la notifica che la US Securities and Exchange Commission ha minacciato di citare in giudizio, anche se il motivo non era chiaro, Coinbase ha scritto in un post sul blog. Inoltre, le autorità di regolamentazione dei titoli in due stati hanno ordinato a BlockFi di interrompere l’apertura di nuovi conti per interessi per i clienti, secondo il sito Web di BlockFi. È probabile che siano in arrivo ulteriori normative, che potrebbero influire sull’utilizzo di questi account.

6. Non tutte le aziende di crittografia lavorano in tutti gli stati

Le piattaforme BlockFi e Crypto.com, ad esempio, non sono disponibili per i newyorkesi, sebbene gli account siano opzioni nella maggior parte degli stati.

7. Le criptovalute non sono per tutti

Greiser afferma che la persona che ha la giusta propensione al rischio, orizzonte temporale e disponibilità a fare la propria due diligence e ricerca può prendere in considerazione i conti con interessi in criptovaluta. Nel fare ricerche, probabilmente dovrai imparare vari processi tecnici, come come trasferire criptovalute tra piattaforme o da a portafoglio crittografico al di fuori di una piattaforma e come segnalare guadagni o perdite in criptovalute per le tasse. Se hai appena iniziato, considera questi tre domande prima di acquistare criptovaluta.

L’autore possedeva Bitcoin ed Ether al momento della pubblicazione. NerdWallet non consiglia né consiglia ai lettori di acquistare o vendere Bitcoin o qualsiasi altra criptovaluta.